Mai una donna del nostro paese è stata corteggiata tanto. Da circa mezzo secolo sono stato alla vana ricerca del suo volto e del suo vestito della festa. Finalmente, dopo tanto tempo, grazie alla preziosa complicità di Vincenzo Capuano, grande animatore di importanti iniziative culturali di Macerata Campania, il mio sogno è stato realizzato.

 

Download gratuito

 

Dopo un’accanita ricerca in varie biblioteche italiane ho avuto modo di vedere, per la prima volta, l’interessante litografia che rappresenta la “Donna di Casalba” nel classico costume di festa del nostro paese, così come si usava nel Settecento. Donna di CasalbaL’immagine, assieme a tante altre, si trova nel lavoro di Alessandro D’Anna, «Raccolta di varie vestiture che costumano nelle città, terre e paesi in Provincie diverse del Regno di Napoli», dato alle stampe in Napoli, presso Talami e Gervasi, nel 1791, tavola VIII. Libro molto raro, rintracciato nella Donazione “C. Del Balzo” 15 D, 3, conservato presso la Biblioteca Provinciale di Avellino. La “Donna di Casalba” stava a pochi passi da casa mia ad Avellino, a mia insaputa. L’illustratore D’Anna nel XVIII secolo fu incaricato dal Re Ferdinando I di Borbone di ritrarre i diversi costumi indossati da uomini e donne del Regno. Furono eseguiti alcune di queste opere, riproducendo i costumi di alcuni paesi. Tra questi il D’Anna si portò nel piccolo villaggio di Casalba, oggi località di Macerata Campania, per ritrarre una nostra elegante bella femmena (signora) dalle sembianze di una giovane bardascia (ragazza). Il suo nome potrebbe essere Tolla (Vittoria), Zeza (Lucrezia), Razziella (Grazia), ‘Ngiulina (Angela) o altro. Non desta meraviglia il fatto che il D’Anna si sia soffermato sul costume della donna di Casalba, uno dei villaggi più piccoli del Circondario di Capua, ove si contavano paesi più blasonati, come Marcianise, Casapulla e la stessa Macerata. A far propendere per Casalba saranno stati sicuramente la sua antica origine e l’antico suo nome, legato all’Aedes Alba di Capua antica (cioè al Tempio Bianco poi detto Casa Alba), e la particolarità dell’abito che si differenziava per alcune caratteristiche dagli altri. Malgrado il felice ritrovamento il suo viso rimarrà per sempre avvolto nel mistero. Il ritratto la mostra di spalle, avvolta in un elegante abito stretto al di dietro da legacci, mentre avanti indossa un mantesino (grembiule) trattenuto alla vita, completato da un busto che le stringe il petto. Un elegante maccaturo (fazzoletto da testa) le scende sul capo, ed infine, i piedi sono calzati da stivaletti a collo basso. I colori, sgargianti, variavano dal blu bordiglione, al verde turchese, al giallo ocra, al marrone ed altri vivaci colori. Le nostre donne usavano, in particolari giorni di festa, indossare collane e bracciali d’oro, assegnati in dote dalle loro famiglie, assieme al corredo, dove non doveva mancare, tra gli altri capi, il copertino di San Leucio.

Avellino, aprile 2015.

Andrea Massaro

 

La “Donna di Casalba” è stata presentata al pubblico per la prima volta il 7 ottobre 2015 presso il Plesso Scolastico “Giovanni Pascoli” di Macerata Campania. La litografia è stata inserita nel libro di Andrea Massaro «Coltivazione e lavorazione della canapa a Macerata Campania», pubblicato nel 2015 dal Centro Studi Historia Loci dell’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa di Macerata Campania.

Allegati:
Scarica questo file (Donna di Casalba con descrizione di Andrea Massaro.pdf)- CLICCA QUI PER IL DOWNLOAD GRATUITO -129 Downloads